insonnia

quando un ragno
finisce dentro la vasca da bagno
non n’esce più
è fregato
non si può arrampicare
io ho paura dei ragni
e tutte le volte
li faccio andar giù per lo scarico
con lo spruzzo della doccia
non li salvo mai
i ragni

stanotte mentre meditavo sui ragni
ho pensato a una stranezza
e cioè che
i nemici dell’Uomo Ragno
non hanno pensato mai
di costruire un’immensa vasca da bagno
tipo grande come un campo da calcio
e farcelo finir dentro
sarebbe fottuto l’Uomo Ragno
dentro una vasca da bagno grande come un campo da calcio
sarebbe fottuto

stanotte non riuscivo a prendere sonno
lo inseguivo ma lui
ogni volta che mi sembrava d’averlo acchiappato
zac! faceva
zac! e mi sfuggiva
e allora continuavo a pensare ai ragni
dentro la vasca
e pensavo che se continuavo a pensare ai ragni poi finiva che me li sognavo
allora ho fatto un incubo ad occhi aperti
che è una metodologia per evitare di farlo poi ad occhi chiusi
ho immaginato che
un pomeriggio mi volevo fare il bagno
riempivo la vasca
mi ci immergevo
e intanto che quasi mi addormentavo nel tepore
iniziavano a uscire centinaia di ragni dal buco
e mi salivano addosso
e avevano delle piccole maschere e dei boccagli
e delle piccole bomboline d’ossigeno
erano ragni sub
erano i ragni che avevo scaricato nello scarico
che mi salivano addosso
nel corpo nudo
e non c’è nulla di più spaventoso che mi posso immaginare
e nel mio incubo ad occhi aperti
ero tutto pieno di ragni
e rimanevo pietrificato dall’orrore
i ragni mi brulicavano addosso
e mi tiravano i peli per dispetto
e mi davano anche dei piccoli morsi
e uno mi saliva sul naso e mi diceva: “sei una merda ad averci scaricati nello scarico”
e io gli dicevo: “hai ragione”
e lui mi diceva: “se giuri di non farlo più non ti imbozzoliamo nella ragnatela”
e io gli dicevo: “giuro”
e lui mi diceva: “va bene, mi raccomando che poi torniamo, se fai la merda”
e io gli dicevo: “non lo faccio più”

poi i ragni nel mio incubo a occhi aperti tornavano nel buco
e io rimanevo quattro ore paralizzato nella vasca
che quasi mi venivano le squame

poi terminato questo incubo a occhi aperti
mi sono addormentato ad occhi chiusi
e ho sognato veramente
ho sognato l’Uomo Ragno
che mi diceva che non dovevo dirla a nessuno
questa idea della vasca da bagno gigante
che se poi i suoi nemici tipo il Dottor Octopus
venivano a saperla
era fottuto
gli ho detto che non la dicevo a nessuno
lui mi ha detto grazie

poi mi son svegliato
è il primo giugno, credo
ma potrebbe essere il primo ottobre
avrei bisogno di un gatto

Questa voce è stata pubblicata in Poesie nuove. Contrassegna il permalink.

2 risposte a insonnia

  1. maru scrive:

    bellissima Guido! anch’io facevo esattamente così, con i ragni, con i sogni…. poi ho smesso….con l’uomo ragno no

  2. Tutti avrebbero bisogno di un gatto :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


7 × otto =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>