un giorno come un altro

sedurmi abbandonarmi risedurmi
per poi riabbandonarmi
come un cane sulla camionale?

si può fare, baby
bada però che poi
se ritrovo la strada verso casa

un giorno come un altro
potresti sentire grattare la tua porta
potresti aprirla
potrei essere conciato male
potrebbe non essere un bello spettacolo

te lo dico perché ti amo
abbi un fucile a pompa
dentro il portaombrelli
carico
non sbagliare mira

Questa voce è stata pubblicata in Poesie nuove. Contrassegna il permalink.

5 risposte a un giorno come un altro

  1. la donna camèl scrive:

    Questa è bellississima Guido, te la ribloggo subito, posso? Ti faccio pubblicità!

  2. catalanoguido scrive:

    certo che sì
    grazie Camel!

  3. beato iberico scrive:

    A volte le tue poesie sono parecchio nere, ma poi lì sotto spunta del rosa, come un ghigno. Sarà per questo che mi viene in mente la fica…

  4. catalanoguido scrive:

    me ne compiaccio, iberico

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


+ 2 = quattro

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>