la prima volta

la prima volta
me la ricordo bene
perché la prima volta non si scorda mai

la prima volta è stata praticamente che
non ho fatto veramente l’amore
nel senso che più che altro
ho visto succedere delle cose
che non ho capito bene

cioè, mi spiego:
la ragazza era bellina e mi piaceva
era più piccola di me
ma d’esperienza

io invece fino ad allora
solo seghe
gran seghe, ma solo seghe

non ero molto pronto
e ho fatto la cazzata di non dirle:
“senti, scusa, sai, per me è la prima volta e siccome la prima volta
non si scorda mai, ti va di andarci piano, che poi sta cosa me la ricordo
tutta la vita e vorrei serbarlo bello
il ricordo?”

però sono stato cretino
e non glie l’ho detta sta cosa
e lei avrà pensato che un bel virgulto
quale io ero
le avrebbe concesso una scopata come si deve

e le cose invece non sono andate proprio bene
cioè, mi spiego:
non sapevo cosa fare
e per fortuna lei pigliava la pillola
che mi fossi dovuto mettere il goldone
sarebbe stato un bel casino

non che non sia stato un bel casino, in effetti
io ero lì
ma mi sembrava di non esserci
mi sembrava di guardare la cosa
dall’esterno
e dove lo dovevo mettere?
e quando?
e perché dovevo metterlo?
e come mai non mi s’arrizzava?
che normalmente, quando guardavo le donnine nude alla tivù
o sui giornaletti porno, mi s’arrizzava
e perché lei faceva tutto quel casino?
perché si dimenava tanto?
e io cosa dovevo fare?
come mi dovevo muovere?
perché mi trovavo sotto di lei?
non avrei dovuto stare sopra?

e insomma, non è che mi sentissi un granchè eccitato
ero lì che guardavo sta scena folle
da fuori
ma io non ero fuori
io ero l’uomo che a un certo punto
doveva avercelo duro e pulsante
e metterglielo dentro

anche se da sotto di lei mica capivo come potevo
che lei si ostinava a starmi sopra
e mi sembrava una cosa un po’ innaturale

poi lei si è rotta i coglioni di dimenarsi
e si è tolta
e mi ha chiesto: “chessuccede?”
ed io proprio non sapevo cosa risponderle

ma è stata carina
mi ha dato diversi baci
poi ci siamo abbracciati
addormentati

e questa, anche se forse non vale, è stata la mia prima volta

Questa voce è stata pubblicata in Sono un poeta, cara. Contrassegna il permalink.

24 risposte a la prima volta

  1. emauff scrive:

    forse non vale vale, però resta indimenticabile!
    :)

  2. Anonimo scrive:

    Ma la seconda, è andata meglio?

  3. Tafana scrive:

    Ma perchè i ragazzi inesperti vogliono farlo con le strafighe navigate? E questo vale anche per le ragazze, ma un po’ meno.
    Come poesia è un po’ ansiogena: fino alla fine ti tiene sulla corda perchè hai paura del peggio, tipo lei che ride di lui o lui che va in psicoterapia per sei anni. Meno male che invece finisce bene…

  4. Dopo la prima volta andata male, vediamo se stavolta riusciamo a commentare e dirti che le tue poesie ci piacciono molto…

  5. Continuiamo a non riuscirci (a commentare…). Se però questo appare, allora è la volta buona. Proviamo, click…

  6. catalanoguido scrive:

    la seconda ci scrivo su una poesia e ti dico, anonimo.

  7. andrearonca scrive:

    Sì, ma la seconda, Guido, prima di scriverci una poesia su, bisogna che succeda…

    eh eh eh…

    (Scusami, non ho saputo trattenermi.)

  8. catalanoguido scrive:

    il tuo iumor all’inglese è sempre scusabile mio caro

  9. Tafana scrive:

    Carina questa, andrearonca. Guido, non ci puoi anticipare qualcosa sulla seconda volta? Siamo tutti in trepida attesa. Vogliam sapere se ti sei trasformato subito in sciupafemmine o se ci è voluto del tempo.

  10. catalanoguido scrive:

    no, in sciupafemmine mi ci son trasformato circa alla seicentosettesima. faccio che compilare una poesiola per ognuna.
    bisognerà aspettare un poco.

  11. susanita scrive:

    è di prossima uscita il libro “i dolori del giovane catalano” raccolta picaresca di seicentosettanta poesie che descrivono il duro percorso del poeta verso la piena consapevolezza sessuale.

  12. cybbolo scrive:

    beato te che sei arrivato alla seicentosettesima.
    io sono fermo da qualche tempo tanto alla quarantotto virgola tre (il virgola tre è un pomicicchio di media soddisfazione)…

  13. Tafana scrive:

    I catalani, si sa, son focosi. Susanita, avvisami quando esce il libro, che voglio subito comprarlo.
    Stava bene anche ‘Le ultime lettere di Guidopo Catalano’con il languido Guidopo e la vispa Teresa…

  14. susanita scrive:

    sì in effetti, guidopo pure regge a livello di marketing.

    le poesie all’interno sono così nomate:

    1.la prima volta
    2.la seconda volta
    3.la terza volta
    .
    .
    .
    670. la seicentosettantesima volta

    la migliore è certamente la quattrocentotrentaduesima volta, quella che narra di quella volta in mare dove non si tocca… (non ci scordiamo nulla noi!)

  15. Tafana scrive:

    Brava! E la 514? Quella con la luna che entrava dall’abbaino e faceva freddo, ma loro si scaldavano? Non ricordo il titolo, ma era bellissima.
    Ma secondo te a Guido basta dire un numero tra 1 e 670 che lui si ricorda quando, come e con chi? Sarà che ha fatto sei anni di liceo classico, ma sarebbe un vero mostro! Secondo me consulta i suoi appunti.

  16. catalanoguido scrive:

    sì me le sono appuntate tutte che con la memoria non ciacchiappo mica bene io

  17. Tafana scrive:

    Smemorato e distratto. Un vero poeta!

  18. Nedo B. scrive:

    E’ dura essere l’uomo, talvolta.
    Ma proprio dura.
    Di marmo, via.

  19. catalanoguido scrive:

    parole sagge e sante mio caro

  20. alga scrive:

    che carina :-)
    anch’io, la prima volta, non sapevo bene cosa fare.
    e nemmeno lui.
    anche per lui era la prima volta.
    forse ci vedevamo tutti e due dal di fuori, come dici tu.

    ci pensi, che casino?
    :-D

  21. remo scrive:

    bene, molto bene.
    fa bene leggerti (perché se uno ti ascolta si piscia addosso).

  22. blulu scrive:

    io da tregiorni lo leggo ‘sentendo ‘la voce di Catalano (con tanto di microfono rannicchiato e coccolato sul suo petto)… insomma mi piscio adosso lo stesso.
    ps…. in certi momenti odo pure un tritaghiaccio insolente di sottofondo , molto fievole però

  23. blulu scrive:

    Guido mi correggi ‘ microfano’con microfono ? grazie.

  24. Spora scrive:

    si figuri a me son capitati tre come lei. Tutti e tre diventati poi alorovolta uomosessuali. (lei no, ho capito)

    Per qualche anno mi vidi attribuire una nomina di sciupamaschi diabolica, per colpa di sta strana coincidenza…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


× tre = 15

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>