L’astronauta

Io sono un astronauta
tu sei un pianeta
e mi si scassa l’astronave
e ti atterro addosso
salvandomi la pelle.
Hai il blu e il verde
hai la terra e i frutti
hai l’aria buona.
Hai i boschi e le colline
hai la sabbia e i mari e i laghi
hai gli animali liberi e belli e bradi.
Sono fortunato, mi dico
qui si sta bene
ma devo ripartire.
Passano i giorni
io mi rimetto in forze
mangio i tuoi frutti
e bevo la tua acqua
dormo un gran bene.
Poi faccio lunghe passeggiate
mi tuffo in questi laghi scuri
scuri e buoni
e nuoto.
E piano piano aggiusto
il mio corpo
i miei pensieri
e la mia astronave
vola di nuovo
penso che potrei rimanere
ma non lo faccio
salpo
e non so verso dove
e non capisco il perché.

Questa voce è stata pubblicata in Il Fatto Quotidiano, Novissime. Contrassegna il permalink.

3 risposte a L’astronauta

  1. Vanilla scrive:

    Quanto è bella.
    E salpiamo sempre ma almeno un po’ di te, di me, di noi rimane .
    Credo di voler diventare una presenza inconsistente costante qui nel tuo spazio.
    Grazie G.

  2. Paolo scrive:

    Il mio è un grazie semplice semplice, ma profondo quanto la mia ferita che stai guarendo con le tue parole.
    Grazie Guido.

  3. Rita Perinello scrive:

    Grazie per la bella serata veneziana di presentazione del tuo primo romanzo, sei veramente simpatico e gentile, grazie per la bellissima dedica, a ogni persona una dedica vera, bravo, Rita

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


5 − = tre

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>