Ogni tanto mi cala la notte

Ogni tanto mi cala la notte
e quando mi cala la notte mi fermo
e ascolto
e ascolto i rumori nel buio
e c’è un taxi notturno e poi l’ultimo tram
e poi passi che fanno cloc cloc sul marciapiede.

Ogni tanto mi scende la notte
e la notte mica fa prigionieri quando è incazzata
e allora è lì che devi tirare fuori tutto
il coraggio che c’hai
e puntare i piedi
e guardarla in faccia la notte
e dire:

“ma vedi di farti furba”

A quel punto normalmente la notte
se ne va via imbarazzata
spunta il sole
il cielo s’accende
se hai culo, gli uccellini fan cip cip
metti l’acqua a bollire
pensi agli strani sogni
che hai fatto
e all’appuntamento
che ti sei guadagnato
con quella bella ragazza dai riccioli naturali.

Questa voce è stata pubblicata in Il Fatto Quotidiano. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ogni tanto mi cala la notte

  1. rabolas scrive:

    Non male
    Qualche verbosità di troppo
    “A quel punto la notte va via
    Il sole si accende
    Il cielo risplende…”
    Forse tra tutte la migliore
    My two cents
    but I’m just a rat poet ;)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


+ 7 = quindici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>