si tu fusse (poesia in dialetto meridionale antico)

si tu fusse pioggia, vurria tu mi pioviss tutt’indoss
si tu fusse sass, vurria tu me pigghiass in frunt
si tu fusse sputazz, nell’occhio mio, io te prenderia
si tu fusse bastuni, milla et poi milla bastunate sullo mio groppone
si tu fusse n’onda nomala, t’aspettaria sulla piaggia
firmo, fino a esse travolgiut
si tu fusse terremota, inghiuttit dalle terre io vurria esse
si tu fusse nu plutuni t’esecuziuni, firmo, sine benda
allo muro, sorridento, aspettaria di proiett esse trafitt
si tu fusse nu lione, le mie carni inte fauce tua
si tu fusse nu cancre malignissim, tutte le mie cellule sane
te daria d’ammalare
si tu fussa lu boia armat de scure, lo mio coll porgeria teco
e alla lama toia sine spaventa

tutte coteste coeuse
et altre milla ancora
faria pettè
bella bellilla dagl’occhi morbidi

Questa voce è stata pubblicata in Poesie vecchie. Contrassegna il permalink.

8 risposte a si tu fusse (poesia in dialetto meridionale antico)

  1. susanita scrive:

    me piecesse assaie
    sentere comm’ a lieggi
    sta poesia

    che è difficile assaie..

    e aropp te fecess na dumand:
    e se a uagliona fuss nu zuccherin, che ne saccio, nu babà, che faciss, t’a magnass?

  2. catalanoguido scrive:

    ma no susanì cheddisc? è a uagliona che me se magna ammè mica io allei! disciam si tu fusse nà maniaca iperglicemiaca io sarià nù babbà e me se magn, tipo…

  3. susanita scrive:

    ah aggio capito
    e si essa teness probblem, faccio per dicere, di colesterol, allora, tu fusse na lecitina di soia..

    mo aggio capito bbuon.

  4. Valemax scrive:

    Stu colesterol è nna piag..

  5. tafana scrive:

    aggio riso assaie, pure se sono di Terrino, aggio capito che cossa intende sta puesia.
    Tu, Guiduccio, c’hai nu talento per le lingue! francese, meridionale antico… devi ppruvvà anco co afgahano antico o aramaico, che ci facimme altre quattro risate. Tu si nu guappone-poeta! Tt’a ddice Tafà.Cumme Cecco Angiolieri, cum Belli et Porta, et onne alias vernaculus poeta … come cacchio sono finita nel latino, qualcuno me lo sa spiegare?

  6. catalanoguido scrive:

    grazz tafà
    sto bologghe stà a divenì nà tuorr debbabele

  7. O'Sgarruppato (di origine irlandese) scrive:

    … Miiiiiiinchia!

  8. domenico scrive:

    bella poesia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


sette − = 5

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>