il quarto giorno

vidi un bel giorno un fiore
cader dal cielo
il giorno dopo, ancora
un altro fiore
cadde
il terzo giorno
scese dall’alto e si posò per terra
il quarto
mi misi lì
ove cadevan fiori
ed aspettai

poi

arrivò il fiore
puntuale come sempre
dal cielo il fiore giunse
cadde, arrivò da su
mi colse in fronte
ed era di cemento
mi colse in fronte
spezzandomi la testa
causando in me
dolore e smarrimento

Questa voce è stata pubblicata in Poesie vecchie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a il quarto giorno

  1. Romina scrive:

    In questo caso, il “colpito” sei tu, Guido.
    ‘na volta per ciascuno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


nove + = 12

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>