La città verrà distrutta all’alba

Tutta questa orrenda pace ci seppellirà
tutto questo silenzio
questa luce
l’aria è così fresca, tersa
son tutti così buoni e sereni
saggi e posati
belli profumati
puliti
si amano tutti
si amano.

Ma non saremo mica finiti in paradiso, capitano?
Non è che siam morti e nessuno ci avverte?

Ah, no, mi scusi, ho sbagliato canale.

Siamo ancora qui
un po’ più acciaccati
beh, lei capitano, ha una cera da far paura
è pallido come un fantasma
e io non mi cambio la camicia da una settimana
no, non sto piangendo
credo sia una congiuntivite al suo stadio terminale.

I nemici di là sembrano divertirsi
li sente come cantano?
festeggiano qualcosa
avran mica vinto?
avremo mica perso, mio pallido capitano?
e se abbiamo perso, dice che nessuno ci avverte?
Sì, vero?

Le avanza mica una sigaretta?
lo so che ho smesso
ma su, che ce ne fumiamo una in due.

E mi abbracci pure
mi abbracci pure e non faccia storie capitano pallido
mi abbracci che quello è un inizio di sole
lo vede il sole?
è il sole, è proprio lui
e se la città verrà distrutta all’alba, come da copione
beh, sarà utile stare un po’ vicini
che siam pur sempre esseri umani
potrebbe servire
a farci un po’ di coraggio.

Questa voce è stata pubblicata in Novissime. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


9 − due =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>