una volta

una volta mi son mangiato un pandoro intero
in un giorno solo
e son morto
ma poi non ero morto
era come un coma
ma non era un coma
perchè vedevo e sentivo
e mi muovevo
e per due anni non ho potuto più avvicinarmi
a meno di tre metri da un pandoro
sennò mi veniva il vomito

una volta mi è caduto addosso l’albero di natale
e mi ha sfregiato tutto
era un albero vero di natale
e mi è caduto addosso
perchè era troppo pieno di decorazioni

una volta uno dei pacchi bellissimi
con tutti i fiocchi
e la carta stellata
è esploso
era un pacco-bomba di natale
non ho mai capito perchè
la mia gatta è rimasta sorda per un mese

una volta
avevo chiesto la pista di automobiline “Sorpasser”
che tu potevi sorpassare
ma era rotta
non sorpassava veramente
ci son rimasto male un sacco

una volta
il mio vicino di casa mi ha detto che
i regali li fanno i genitori
non gesù bambino
infatti era vero
lui si faceva le seghe già a dieci anni
infatti sapeva le cose prima degli altri

una volta
volevo il dolceforno
che ce l’aveva mia cugina e ci faceva le tortine crude
ma mia mamma aveva paura che diventavo omosessuale
e ho avuto i micronauti

una volta
mia nonna mi ha portato in chiesa
alla messa di natale
e voleva che baciassi l’anello del cardinale
ma forse non era un cardinale
ma io non volevo
mi faceva schifo e paura
poi per fortuna l’anello non l’ho baciato

ieri passeggiavo per la strada
e ho visto la vetrina del negozio dei giocattoli
e mi è venuta la nostalgia
e ho visto i bambini tutti contenti
e mi è venuta la gelosia e l’invidia
infatti non è giusto che loro sì e io no

poi ho pensato di consigliarli di chiedere
la pista che potevi sorpassare
che loro non sanno che è rotta
per vendetta
poi per fortuna non l’ho fatto
e me ne son tornato a casa
cercando di non farmi investire
dagl’automobilisti folli

Questa voce è stata pubblicata in Poesie nuove. Contrassegna il permalink.

11 risposte a una volta

  1. susanita scrive:

    mio cugino voleva una barbi per far la fidanzata al suo bigjim sfigato, basso e con un capoccione enorme.

    gli han fatto la stazione di polizia di bigjim.

    povero bigjim.

  2. susanita scrive:

    il mio ken invece, alto biondo e con le spallone, c’aveva un sacco di fidanzate e trombava sempre.

    e tutto questo perché non si poteva regalare una barbi a un bambino, sennò era omosessuale

  3. catalanoguido scrive:

    è sempre la solita storia susanita
    e poi per colpa io non ho imparato a cucinare i manicaretti

  4. petarda scrive:

    subii gravi traumi infantili pure io, non mi regalarono mai il cicciobello angelo negro che pareva di cioccolato e il meccano.

  5. catalanoguido scrive:

    e così non sei diventata una bravissima ingegnera in africa

  6. ilaria scrive:

    io volevo la pista per le macchinine e volevo anche il furgoncino con le micro machines
    ma non mi sono arrivate nè l’una nè l’altra per il problema inverso.
    boh, sei un grande, poco da dire.

  7. catalanoguido scrive:

    io volevo Ciccio Bello Lupo Mannaro
    ma non esisteva

  8. ilaria scrive:

    martedì 8 farò di tutto per essere al teatro della caduta. a presto.

  9. Guillermo scrive:

    Io il pandoro intero lo mangiavo anch’io davvero.
    Che figata!

  10. Pingback: Pensierini di Natale | Guido Catalano

  11. Pingback: Il Natale secondo Catalano | Guido Catalano Phon Club

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


+ nove = 10

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>