si dice ni sciamu vitennu

Traduzione/interpretazione in francavillese (dialetto di Francavilla Fontana, Brindisi) di una poesia di Guido Catalano.
A cura di Marco Montanaro

ce mm’ha ddà nu bbaggiu, piffavore?
no
mena, tammine unu sulu, meh
noni
mena piffavori, unu sulu
noniiiii
mena, tammu nu bbaggiu, ci no mmi lu tà po’ ti pienti
e piccé?
piccé shta mmoru
shta mmueri?
sini
ce ttieni
na malatia
ce malatia?
quedda brutta
aramenti shta dine?
sini
ma no ssiembri malatu
eti nna malatia nfamona ca no ssi vete
comu si chiama?
cene?
shta malatia nfamona ca no ssi vete
trombocitobroncocardia rara non occi
none
oxcin
ce uè ddì non hodgkin?
noni, noni, non oxcins
ah
eh
piccatu, mi shta dispiaci
a vvitè a mme
e ce dicunu li dottori?
se, li dottori…
ce dicunu?
eh…
cene?
hannu dittu ca tegnu trentasei/quarantottro ore di vita, ci puru
ziccannu ti quannu?
ti totici ori arimmenu
ma no si pué ffà niente?
n’operazioni
ca falla no?
noni, dici ca shtae lu centu pi ccientu ca no cci funonzia
cene?
ca moru sicuru và
ma cce operazioni ete?
n’operazioni suicida, ca mi cciu sulu, và
pillamatoncia
ca cce vo cuntannu chiacchiri
allora uè nu bbaggiu
sini
sobbra la occa?
sini
cu lla lengua?
era bbuenu
ca na m’a mbrazzà?
sini
ca na m’a tuccà?
ci no tti nieuji
ma cce ti pienzi ca ti creo di cuddu ca m’ha cuntatu?
sinceru?
sini
noni
noni ccè?
no cci creo
e ti pienzi ca mo t’agghia ddà nu bbaggiu?
sienti, uè sì… ti pozzu chiamà silvia?
fani cce uè
sienti uè sì, o mi tane shtu bbaggiu o no mi lu tane, viti tu c’ha ffà
piccé no mmi lu ta tune?
iu?
tune?
è cosa?
proa
sini meh
va, va
si ppronta?
prontae
chiuti li uecchi
l’agghia chiutere?
cussi si faci
sini, va, va
na, uè
m’ha bbaggiatu sobbra lu uecchiu
scusa, tinìa li uecchi chiusi
comu nna cosa ca l’ha tiné pierti, tune, cu pigghi la mira, po’ li chiuti
sini meh
proa arretu
si ppronta?
va, va

buenu, ce mi n’a ddà n’atru?
n’atru?
sini

mo n’amu fidanzatu
sini?
sini
annagghia. piccatu ca shta mmoru.
noni, no cci shta mmueri filu
noni?
ca ci m’ha cuntatu chiacchiri
ah

mo sciamu a casa mea
ama scì rashkà?
no ssi dici rashkà, si dici fa l’ammore
ama scì ffà l’ammore a casa toa?
sini

ma tu no nni tieni casa, uè sì
ma cce sta ddì
tu no cc’esisti
noni?
noni, mannagghia
e mo?
la capu no ttanta ca mi ccumpagna
mannagghia
noni
mi shta pialìa cu esishtu
nu picca ‘sishti nu picca no cci ‘sishti, la verità
nu picca esishtu nu picca no cci esishtu la verità
ca cussì ete
e comu so ffatta?
tieni li uecchi chiari
poi?
si nna bedda piccinna
assaj?
sini
poi?
poi nienti
bashtae?
bashtae
allora addio?
allora ni sciamu vitennu
grazie ca ne l’amu fatta ‘nzieme
attè
no potimu continuà n’atru picca?
noni
n’atru bbaggiu?
noni
allora addio
t’ha shtizzatu?
nu picca rammaticata vocu

si dice ni sciamu vitennu

Questa voce è stata pubblicata in Poesie nuove. Contrassegna il permalink.

10 risposte a si dice ni sciamu vitennu

  1. lucepotabile scrive:

    Di come i linguaggi autoctoni modifichino la semantica:
    Sebbene in italiano la poesia srotoli un dialogo quasi surreale, immaginare simili parole pronunciate da una giovane coppia francavillese non significa andare così lontano dalla realtà.
    Beato chi riesce a comprendere.

    ama scì rashkà
    la capu no ttanta ca mi ccumpagna
    allora ni sciamu vitennu
    ne l’amu fatta ‘nzieme
    rammaticata

  2. marco m scrive:

    ecco sì difatti, se qualcuno non capisce può chiedere al lucepotabile di qui sopra, il quale è un francavillese trapiantato a torino. grazie guido per l’ospitalità.

  3. catalanoguido scrive:

    grazie a te marco
    mi piace un sacco sta storia delle traduzioni

  4. zucca scrive:

    che bella! che bello sto gemellaggio! ed è tutto merito mio!
    che bella che sono!

  5. marco m scrive:

    è vero è merito suo! grande zù

  6. elisa scrive:

    quale onore, non tutti possono vantare una traduzione dall’italiano al francavillese! :)

  7. nita scrive:

    credo che nemmeno il piccolo principe

  8. giu giu scrive:

    io sontu franchiddisi e ci qunnunu hai bisuegnu di me sapiti do ma chiati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


− 1 = tre

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>