resurrezione

era buio e si svegliò
umido e freddo
e c’aveva ancora male alle mani
e ai piedi
bucati dai chiodi puntuti e rugginiti

e ancora i graffi profondi
nella fronte
bruciavano
e i tagli
come si dice, nel costato…

Gesù Gesù Gesù
Cristo Santo
Cristo Santo che esperienza
Dio mio
che brutta esperienza…

c’era un grosso sasso
che ostruiva l’entrata della cripta
si strappò il sudario dal corpo
fece un lungo sospiro, un rutto
e si mise seduto
a pensare
a come uscire
da quella situazione di merda

Questa voce è stata pubblicata in I cani hanno sempre ragione. Contrassegna il permalink.

9 risposte a resurrezione

  1. andrearonca scrive:

    Che bella, Guido.
    Dovrebbero insegnarla al catechismo, insieme all’avemaria e al padrenostro.

  2. k scrive:

    ma, Gesù può dire “gesù” esclamando?
    Tu se ti scappa un’esclamazione dici “Guido!”?
    Detta questa caxxata, dico che piace anche a me.
    Ti ho ascoltato al Pueblo qualche sabato fa. Non che la cosa abbia rilevanza alcuna.
    Clap.

  3. catalanoguido scrive:

    secondo me sì
    può autoesclamarsi
    ma solo lui può
    io no
    neanche tu

    al catechismo, andrea
    temo che non la passino
    ma non si sa mai
    la propongo al prete
    qui in piazza saluzzo

  4. k scrive:

    secondo me se censuri il rutto la passa

  5. Riccardo scrive:

    Bravo.
    Sangue e stile.
    Come il Cristo.
    Mi piaci assai.

    (Scusa la stringatezza, ma sono un Carveriano)

  6. catalanoguido scrive:

    grazie
    la stringatezza e di molto apprezzabile

  7. susanita scrive:

    il rutto deve rimanere
    assolutamente
    è il centro della visione!
    che uomo, gesù!

  8. Marcodoctor scrive:

    Molto bella, un pelo blasfema, ma rivela l’umanità di Gesù. Ti consiglio di non farla leggere al tuo parroco.

  9. Pingback: Cronachesorprese » Litcamp - Guido Catalano, umorismo e tenerezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


8 − = tre