ste robe che scrivo

a me mi sembrano mica delle poesie, mi dice
a me sì, gli dico
che tu credi che basta andare a capo per scrivere una poesia?, dice
sì, a me sì, così io credo, dico
ma no, non basta
no?
no

e allora cosa bisogna fare per scrivere una poesia? gli chiedo

lui mi guarda con la faccia come dire: questo qui è mica normale
e poi fa
ma tu, tu le leggi le poesie? fa
quali? faccio
quelle dei poeti, fa
ma, mica tanto, faccio

allora mi dice dei nomi di poeti per lo più italiani
che l’unico che mi ricordo è Montale Eugenio

beh, gli dico, ma guarda che anche Montale Eugenio andava un sacco a capo
gli dico

lui poi si vede
che è arrabbiato
e se ne va borbottando qualcosa che non capisco

e io adesso
non so più
cosa sono ste robe che scrivo

Questa voce è stata pubblicata in Sono un poeta, cara. Contrassegna il permalink.

15 risposte a ste robe che scrivo

  1. Tafana scrive:

    Che ti frega di saperlo? A noi piacciono. Non ti curar di lor, ma guarda e vai a capo.

  2. susanita scrive:

    ma montale, guido, lo sappiamo tutti che gli fai!

  3. catalanoguido scrive:

    figurati susanita che stanotte ho sognato che giocavo a scopone con montale e pavese. eravamo in tre. io dovevo giocare col morto. il morto però non voleva fare coppia con me. pensa te. insomma non se n’è fatto nulla e mi son svegliato con un senso di frustrazione pazzesca che ho affogato in un’abbondante colazione findus.

  4. susanita scrive:

    guido forse è la colazione findus che ti fa fare questi brutti sogni. non so ma un bastoncino inzuppato nel latte, secondo me, non promette niente di buono.

  5. maurogasparini scrive:

    continua ad andare a capo, ti prego
    ché io non c’ho il uaidscrin…

  6. Tafana scrive:

    Voglio provare anch’io la colazione findus. Thatsammore!
    Il collega qui dice trattasi di termine piemontese: a l’è fin-dus = è persino troppo dolce

  7. Riccardo scrive:

    andare
    a
    capo
    è
    bellissimo

    una
    droga
    oserei
    dire

  8. giosannino scrive:

    io imperterrito le chiamo poesie. questa poi mi ci faccio concausa perciò mi piace anche di più.
    quasi quasi ci faccio un (altro)post.

  9. Nedo B. scrive:

    A me fanno cacare quelli che colpiscono enter 600 volte al minuto su msn, ma in poesia ed in amore tutto è concesso.

    Ed
    è
    subito
    sera.

  10. syssa scrive:

    poesie… favole… mix di entrambe le cose… io ogni caso parole disarmanti!

    ho ancora la tua foto da spedirti!!! dove come e quando?

  11. luCap scrive:

    quand’è la serata all’imbarchino che non mi ricordo mica?
    thanx, luCap

  12. catalanoguido scrive:

    venerdi 15 di giugno

  13. luCap scrive:

    cazzo. vedi che io ho diffuso la voce che era il dodici, martedi. prima era così, no?poi è cambiata data, ora ricordo.. ora devo smentire la voce che ho fatto circolare, cacchio!lo sapevo…. saluticari, luCap

  14. Robbè scrive:

    A Català, ti è rimasta qui questa storia di Montale? 😀

    Ma chettefrega, chette.

    Te scrivi le tue robe, e gli altri dicano!

  15. LISA scrive:

    ho letto che scrivi poesie… complimenti!
    io ho un blog sulla lettura dove do la possibilità di recensire i libri letti ma anche di pubblicare le proprie poesie, canzoni, racconti e le recensioni dei propri libri 🙂

    se ti andrebbe di pubblicare le tue opere fammi sapere nella rubrica “le vostre recensioni e altro” nel mio blog http://leparoledipinte.blogspot.com/

    ti aspetto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× 6 = diciotto