– posso portare un po’ di ciliegie, per favore?
– certo, e già che ci sei porta anche le labbra

– gli occhi?
– sarebbe d’uopo, e i baci

– i baci?
– beh, mia cara, dovremmo pur baciarci tra una ciliegia e l’altra

– sì, credo tu abbia ragione, tu porterai il tuo…
– il mio?

– come lo chiami?
– naso?

– ma no!
– piede sinistro?

– ma dai!
– ombelico forse?

– smetti d’ischerzarmi!
– e allora dimmi cosa devo portare

– il tuo cazzo
– il mio cazzo?

– sì, il tuo cazzo
– no, è ad aggiustare

– ad aggiustare? veramente? si è rotto?
– ti sto ischerzando tontarella

– che spavento
– sì lo porto e tu mi raccomando porta la tua cosa

– la mia cosa cosa?
– dai l’hai capito la tua cosa lì sotto lì

– vedi che anche tu non sai dire la parola
– è che non ce ne sta una che mi garba

– figa?
– no!

– prugna?
– ma dai!

– farfalla?
– ma va!

– bernarda?
– che orrore!

– vabè comunque la porto
– sì, così li facciamo conoscere

– speriamo si stiano simpatici
– secondo me sì

– allora porto le ciliegie
– senz’altro

– a dopo allora
– non vedo l’ora che quell’ora sia ora