poi puoi guardare dalla finestra
e vedere i tetti
che non è notte
che non è mattino
è quella via di mezzo lì che non si capisce
che fa fresco
fa quasi freddo
e metti l’acqua a bollire
e pisci nel silenzio
poi puoi guardare gli uccelli che volano vanno
a fare colazione
l’acqua bolle
il sole fra poco esce dai tetti
senti le persiane che s’arrotolano
in lontananza
che sogni ho fatto questa notte?

apri la radio e c’hai fortuna
cantano sten bai mi
poi il tè è pronto
ci pucci dentro una fetta
biscottata
poi un’altra
accendi la tele
spegni la radio
alla tele dice che il capricorno va bene
l’acquario è sempre penultimo
non riesco quasi mai ad arrivarci
spegni la tele
accendi il compiuter
poggi la tazza sulla tele
attendi che il compiuter si scaldi
la ventola ronza che è un piacere
viene su il sole
ti prende in piena faccia
tiri la tenda
lo lasci fuori
guardi lo schermo
ora il compiuter è caldo
e attende solo che le tue dita
inizino a suonare
su sta tastiera zozza

cosa sarà di te di me?
suonami una poesia se sei capace
sì sono capace
e allora fallo
cosa si vince?
si vince stare meglio, qualche ora
che sogni ho fatto questa notte?
se taci ce la faccio
taccio