Io e te e gli zombi

Io.
Te.
Io e te
io e te e gli zombi
io e te e gli zombi e il divano
io e te e gli zombi e il divano e i pop corn
io e te e gli zombi e il divano e i pop corn e il chinotto.
Non ti sembra perfetto
io e te e gli zombi e il divano e i pop corn e il chinotto?
Manca qualcosa?
Dici che manca qualcosa?
Cosa dici che manca?
Baci?
Baci dici?
Dici baci?
Ok.
Io e te e gli zombi e il divano e i pop corn e il chinotto e i baci.
Qualcos’altro, dici?
Vuoi farlo?
Ma vuoi farlo adesso?
Sul divano?
Ma gli zombi?
Ma durante gli zombi vuoi farlo?
Ma sei sicura?
Ma non hai paura?
Ok.
Io e te e gli zombi e il divano e i pop corn e il chinotto e i baci e fare all’amore.
Niente male.
Niente male davvero.
Qui stiamo rasentando la perfezione.
Sai cosa stiamo facendo noi?
Rasentiamo.
Siamo dei rasentatori di perfezione amorosa io e te.
Parlo troppo?
Smetto?
Sto zitto?
Hai mai visto uno zombi sorridere?
Ecco.

Questa voce è stata pubblicata in Incategorizzabile. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Io e te e gli zombi

  1. Emanuela scrive:

    Che meraviglia.

  2. Daniele scrive:

    Sei un genio adoro le tue poesie, con questa poesia hai rasentato la perfezione, sei un rasentatore di sentimenti perfetti completi, anelli alfa e omega che si toccano.

  3. Sei sempre più bravo!
    Se passi da Firenze fammi sapere.
    Mi piacerebbe ascoltarti dal vivo, fino ad ora ho solo letto e regalato i tuoi libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


quattro + 2 =