Carote

Non c’è quasi nulla
che mi rilassi tanto
come il lessar carote
un pomeriggio
naufrago
nel bel mezzo dell’agosto
concentrandomi
sul borbottio dell’acqua
ascoltando le voci dei matti
lasciati liberi
di scorrazzare per le strade
sotto il sole
chissà se ci va il sale.

Questa voce è stata pubblicata in Incategorizzabile. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sette − 5 =