è venuta la Tristezza a trovarmi nella casa
lei riesce a entrare nella casa anche se non l’apri
ero sdraiato sopra il letto
e guardavo il soffitto
era domenica
letto+soffitto+domenica
+ nubi

la Tristezza si è seduta sulla poltroncina che sta a lato del letto
mi ha detto: ciao sono la Tristezza, sono venuta a trovarti

ora scatta il dialogo tra me e la Tristezza
– ciao Tristezza
– ciao Guido
– grazie di essermi venuta trovare Tristezza
– mio dovere, figurati
– vuoi un tè?
– no grazie
– meno male perchè ero troppo triste per alzarmi dal letto e preparartelo
– infatti
– come funziona sta cosa, Tristezza? te ne stai lì seduta?
– sì non ti preoccupare, continua pure a fare le cose che facevi
– guardavo il soffitto
– continua a guardarlo
– ochei

e guardavo e guardavo e guardavo il soffitto
zitto io
zitta le Tristezza

– Tristezza?
– eh?
– mi sento proprio triste
– lo so
– facciamo qualcosa Tristezza?
– tipo?
– scacchi?
– guarda che son mica la Morte, son la Tristezza
– vabè

allora mi sono girato su un lato
per guardarla meglio la Tristezza
aveva tutte le cosce e i seni

– ma sei molto femminilmente bella Tristezza!
– grazie, lo so
– ma vuoi mica stenderti un po’ con me?
– non posso
– posso toccarti un po’ i capelli?
– fai pure
– che soffici
– sì
– ti va Tristezza di farci un bagno assieme? ho la vasca
– non posso
– mi spiace
– anche a me
– ma ti stai mica intristendo Tristezza?
– un po’
– perchè?
– perchè non posso fare un sacco di cose
– facciamo una passeggiata, Tristezza?
– non posso
– già

poi la Tristezza vidi che le scendeva una lacrima
mi sedetti sul letto
le mie ginocchie toccarono le sue

– piangi Tristezza?
– no
– sembrava
– vabè magari adesso vado
– no dai ti faccio un caffè
– non lo bevo
– una birra?
– ora sei meno triste
– sì
– allora devo andare
– no dai, stai ancora, guardiamo un po’ di tele
– no ciao no

poi scomparve la Tristezza
mi feci il caffè
fumai la sigaretta
piovve.