“ho sonno”, disse
“ho sonno”, dissi
“dormiamo”, disse
dissi: “dormiamo”

le chiusi gli occhi posandole le labbra
sulle palpebre morbide e
le sue ciglia lunghe mi fecero la solleticarella

poi lei dormì
poi i grilli iniziarono a grillare
e cantarono quella serenata
quella che parla della luna che non c’è
ma la luna c’era
e lei era bella
ed io non volevo chiudere i miei, di occhi
tutta la notte io la guardavo
e c’era la luna
e i grilli, ragazzi, che serenata…

poi quando lei si girò nel sonno
mi abbracciava
e un po’ era sveglia
o forse solo sognava
e un po’ mi sorrideva

e la luna c’era
ma i grilli continuavano a cantare che non c’era
ma era lo stesso
per me era lo stesso
quei grilli ci sapevano fare

e c’era la luna
ed era notte
e meraviglia, ragazzi, meraviglia