fiesta

è mezzanotte
ma ce n’è ancora un sacco
per adesso in lista abbiamo
due Negroni
quattro o cinque bicchieri di vino rosso cattivo
una birra rossa grande
una birra piccola chiara

ballo,
ballare, per ballare, ballo
non sto ancora male
c’è tempo per questo
per adesso ballo
il dj è un incapace
ma non ho di meglio da fare
e quindi
ballo

le danze moderne
possono essere un’esperienza di grande
solitudine
di grande solitudine
ognuno balla per sé
guarda gli altri
e gli altri lo guardano
non ne possono fare a meno
ma si è piuttosto soli
a ben guardare

ballo e penso
penso che vorrei essere altrove
mi piacerebbe a casa
a scrivere, poi dormire

prima o poi ci torno, a casa
ma prima dovrò passare per un paio di fasi ancora
inizio a sentire l’alcol nel corpo
sta abbandonando il cervello
sta prendendo lo stomaco

sono a una festa
e se l’alcol mi lascia
non credo che sarò più molto festoso

mi debbo sedere un attimo
la musica mi rimbomba
forse non dovrei stare così vicino alla cassa
ma sono troppo stanco, adesso
per cercarmi un altro posto

provo con una sigaretta
ma dopo due tiri mi dà la nausea
è arrivata
la nausea è arrivata
compagna di mille occasioni festose

gli altri continuano a dimostrare il loro senso del ritmo
dimenando i corpi
ci sono ragazze
bellissime

esco
l’aria fresca può far miracoli
è fine maggio
ma fa freddo
ha da poco smesso di piovere

ho difficoltà a camminare dritto
fa freddo
ma io sono caldo

mi trovo nel fango, adesso
sento la musica lontana
là c’è uno che piscia
là ci sono delle auto posteggiate

io l’auto non la so mica guidare
sennò ne prendo una e ritorno a casa
adesso sono in un campo di terra
fangosa

le mie scarpe…

che ore sono?
sopra di me, sulla mia testa
è veramente pieno di stelle

l’aria è proprio fredda
cerco di respirarne tanta
per pulirmi i polmoni
sedare un poco la nausea

è proprio notte
mi vengono su rutti
singhiozzo

nella vita, io
non riesco a vomitare né a piangere

sarebbe il caso, adesso
di farne una
di queste due
adesso, così
sotto le stelle
nel fango
durante la notte.

Questa voce è stata pubblicata in Sono un poeta, cara. Contrassegna il permalink.

2 risposte a fiesta

  1. tafana scrive:

    Struggente. La fiesta, la birra, il ritmo del ballo,le stelle. Tutto si paga con rutti, singhiozzi, nausea, tristezza nel fango.
    Bisognerebbe riprovare a piangere e a vomitare con la disinvoltura dei bambini.

  2. andrea scrive:

    sante parole, ci sarà un motivo per cui tutti quelli che vanno nelle moderne balere fanno a gara a raccontare chi era più ubriaco, no?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


1 + = tre

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>