secondo me suicidarsi non ha senso se prima non fai fuori un po’ di gente che ti sta sul culo

tipo:
Emilio Fede
il carrozziere Pavarino
la suora che all’asilo mi menava
Baget Bozzo
Vittorio Sgarbi
la vicina di casa che sta sotto che rompe i coglioni
che dice che facciamo casino di notte
il gestore/proprietario di un famoso locale torinese che non posso dire il nome che non si sa mai che un giorno mi fa fare uno spettacolo da lui
il tipo che ci prova con la mia ragazza
alcune commesse della Feltrinelli di Torino
i distributori di libri che dicono che un libro di poesie non si vende al limite si regala
George Bush
la professoressa di chimica del liceo
quelli che uccidono i gatti per divertimento
Borghezio

e comunque tutti
in maniera brutale

Questa voce è stata pubblicata in Poesie vecchie. Contrassegna il permalink.

18 risposte a secondo me suicidarsi non ha senso se prima non fai fuori un po’ di gente che ti sta sul culo

  1. Sauro scrive:

    Dunque, Guido, io ti seguo da un po’. Ho qualche domanda da farti, perchè dopo questa ennesima perla credo che tu sia uno dei pochi che ha le risposte. Comincio. 1) Chi siamo? 2) Dove stiamo andando? 3) Esiste dio?
    Ciao e grazie per le risposte. Fai con comodo, aspetto qui.

  2. cybbolo scrive:

    si deve NECESSARIAMENTE udire il pianto e lo stridor di denti delle vittime…

  3. Nedo B. scrive:

    Fallo! se non altro inizia con la lista, poi quando li hai fatti tutti fuori, magari ci ripensi… ma intanto comincia.

    P.S.: se poi non ci dovessi ripensare, almeno che sia plateale, tipo camicia di Tritolo con pippolo alla mano in parlamento durante una riunione per alzarsi gli stipendi…
    O in Senato mentre fanno cori da stadio…

  4. Christian scrive:

    Se io uccido te però divento famoso come quello che ha sparato a Lennon… quindi aspetta a suicidarti, lo farò io.

  5. catalanoguido scrive:

    sauro, so che sai che so le risposte a queste tre domande. però sai anche che non posso mica risponderle così davanti a tutti. anche per una questione di praivasi. tua e di dio. magari ti rispondo privatamente.

    nedo, questa cosa che poi ci ripenso non è valida.

    christian, aspetta ancora un po’ che se m’ammazzi ora, al massimo ti fanno l’intervista al tg 3

  6. Tafana scrive:

    Dunque christian, ti consiglierei di suicidarlo e poi occultare il cadavere. A questo punto catalanoguido finisce a chilavisto, dove non solo diranno che era un poeta, ma (puntate successive)anche ragazzoammodo e cabarattista bravissimo e grande figura intellettuale del nuovo millennio.
    A questo punto salti fuori tu e la popolarità è assicurata.

  7. Tafana scrive:

    Scusa guido, ma te le vai a cercare con queste poesie. Comunque nella tua lista ne mancano ancora. Per il suicidio c’è tempo…
    E poi noi si resterebbe orfani del nostro poeta-spirito-guido

  8. e.l.e.n.a. scrive:

    giusto! sarò tua complice. in maniera molto brutale.
    (sul carrozziere Pavarino vado sulla fiducia.)

  9. giosannino scrive:

    Emilio Fede no, Guido, Emilio no. Quella è arte. Mica facile far ridere ed io mi ci scompiscio. Emilio no, dai.

  10. susanita scrive:

    secondo me chi ride su emilio fede sta proprio avanti. ha una grande fiducia in sé e nell’umanità invidiabile. io non ci riesco proprio, c’ho provato, a ridere, ma non riesco; mi monta solo un nervoso che urlo isterica di fronte al televisore e faccio quel gesto col dito medio che in pubblico non faccio mai – ché mi è parso sempre un po’ troppo volgare per una fanciulla – da sola davanti a retequattro io lo faccio spesso. e poi la cosa peggiore, e in questo riconosco il mio alto indice di masochismo, quando incoccio nel suo TG per sbaglio, non riesco più a cambiare canale, me lo guardo tutto, che nervi madò, porca puttana, ecco vedi? divento volgare.

    sì emilio fede sì, e per primo, come nell’elenco.

    e aggiungerei pure lucignolo, quello di italiauno, che nervi che nervi!

  11. Tafana scrive:

    Anche a me l’emilio sta sulle palle. Ma più che ucciderlo mi viene voglia di fargli un’iniezione di botulino. Che gli paralizzi la faccia quel tanto da impedirgli di parlare in tv e di sorridere in codesta maniera idiota.
    La rabbia di susanita io la provo più per le trasmissioni che per i personaggi. Ormai uso la tele solo per il meteo e per vedere qualche dvd.

  12. Tafana scrive:

    Invece sulle suore che menano i bambini ci andrei giù pesante. La mia vendetta risalirebbe tutta la gerarchia ecclesiastica fin su a eminenze e santità varie.
    Scusate, dovevo dirlo.

  13. susanita scrive:

    quando ho letto quella cosa mi è parsa davanti l’immagine di un bambino graciletto con folti capelli neri e gli occhiali col tappo picchiato da una grassa corva coi denti gialli e un abito goffo che le impedisce di suonargliele come vorrebbe.

    questo ho visto.

  14. catalanoguido scrive:

    e in più che parla in lingua meridionale e non si capisce una fava di quel che dice

  15. simy scrive:

    o cavolo, ed io che me ne ero andata senza pensare a nulla…
    c’hai ragione, ne terrò conto.

    ciao
    simy

  16. antonio p. scrive:

    Emilio Fede è il passato. Ho appena visto dieci minuti della “tv della libertà”. Bella cornice azzurra con le nuvolette, la scritta “Batosta tasse” in alto, interviste spassose sul governo comunista, e sms che scorrono. Imperdibile.

  17. antonio p. scrive:

    (Dunque per favore Guido non mi uccidere la Brambilla, almeno non subito).

  18. Trilly scrive:

    Caro Guido, tu sei un poeta affermato dimmi: é vero che nella modernità si può non mettere la maiuscola dopo il punto? Mi hanno rifiutato la tesi perché non li ho messi ma a me sembrava carino quando l’ho visto nelle tue poesie! Fammi sapere grazie!!! Ti seguo sempre!!! <3

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


9 × = sessanta tre

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>