coda

sullo striscione di cemento
fondono le gomme
mentre lamiere incandescenti
sudano ferro e puzza

dentro, guidatori cociono
le loro mogli
i loro figli
i loro poveri cani
e le autoradio mandano musiche molto estive

il sole, puttano come non mai
il cielo, sgombero e celeste
vaffanculi e porchemadonne
le puoi leggere sui di loro labbri

io pure ci sono
seduto sulla destra
con piede fuori dal finestrino
e torso gnudo e pallido

poi la vedo
nell’auto vicina
sola solina
tamburella la manina
sul volante
tenendo il tempo
costante

i nostri occhi si incrociano
le mi sorride bene
io pure
poi la sua coda ha un singulto, cristo
e lei avanza in avanti

io dico al mio guidatore “avanza per dio!”
ma lui dice “mica si può, non vedi?”
sì, perché la nostra coda è più lenta
e rimaniamo indietro

adesso, alla mia destra
un ciccione obeso e pela
con canottiera, figli e moglie a carico
lui non sorride, suda
non tamburella, borbotta
con i bambini, dietro, che ormai morti
iniziano, secondo me, a decomporsi

poi però la nostra coda si muove
e meraviglia
di nuovo nuovamente
lei è lì, a distanza di braccio

io le dico “ciao, come va?”
lei scende il volume e dice “ho caldo”
“dove vai?”
“al mare” mi risponde
“nel mio stesso mare?”
“chissà, speriamo”

a sto punto è la mia coda a fare un movimento
io dico “no!”
lei sta zitta ma mi guarda triste
io tendo il braccio
mezzo esco dal finestrino
lei mi prende la mano in mano
e siamo un uno solo
ci teniamo stretti
come se uno di noi stesse appeso coi piedi a penzoloni nello strapiombo
(come nei films americani)
ma la macchina mia va
io mi estrofletto
arrivo praticamente col culo al finestrino
dietro, le macchine bastarde urlano incazzate
le mani nostre, strette, scivolano
“cristo!” io urlo
anche lei urla qualcosa
ma non sento, maledetti clacsons
mi sembra “non mi mollare!”

ma poi troppo fu il dolore
ci lasciammo
il casello infame
troppo veloce, coda maledetta
la guardai scomparire indietro
aveva una macchina verde

e occhi neri


Pubblicato

in

da

Tag:

Commenti

14 risposte a “coda”

  1. Avatar Zelig

    Hai preso la targa? 🙂

  2. Avatar Tafana
    Tafana

    Fantastica. A dir poco. Tutta quanta, compreso il ciccione obeso (rafforzativo)in canottiera con figli in decomposizione. E PELA, neologismo di grande effetto.
    Finalmente una con gli occhi non-verdi. L’hai persa? Non potevate darvi appuntamento sul guardrail dopo il casello? Là dove dimora la guardiadifinanza?

    Unica nota negativa: razzingher questa non te la passa mica. C’è il nome di cristo invano.
    Addio santificazione…

  3. Avatar susanita

    (torna lo strapiombo come metafora dell’amore)

    un vero amore dei tempi moderni, in tutti i sensi, perché guido devi ammettere che c’hai la tua bella responsabilità se è finita così in fretta, diamine, guido, scendi da quella cazzo di macchina e monta sulla sua! che ci vuole?

    ma secondo me piaceva a entrambi quella fine tragica da films americani…

    mi rallegro che per una volta lei non c’ha gli occhi verdi, me ne rallegro.

  4. Avatar Tafana
    Tafana

    Siamo finiti ancora in un varco spazio-temporale? L’orologio del mio pc fa le 10.48

  5. Avatar catalanoguido
    catalanoguido

    in effetti aveva già la macchina verde. o l’una o l’altra secondo me.

    razz, mi perdonerà la licenza, tafana.

    1. Avatar Clara
      Clara

      Un Guido che non guida. Mi congratulo, Clara

  6. Avatar Christian

    Io non ho più termini esemplari per definire questo nostro poeta. Dovrò cominciare con gli insulti, per mantener l’effetto!

  7. Avatar catalanoguido
    catalanoguido

    vai con gli insulti allora! tutto fa brodo christian

  8. Avatar Nedo B.

    Madonna che bei momenti.
    Scommetto che se vi passavi accanto a piedi su un marciapiede non vi caàvi di striscio, ma così, insolati e bollenti, intrisi di PM10, in un delirio di roboanti marmittoni racing, l’Amore assume tutta un’altra colf.

  9. Avatar cybbolo

    ne hai visti pochi, di films americani, che ogni tanto qualcuno passa in corsa da una macchina all’altra in movimento e non si storce neanche il polso…
    puoi solo sperare in una seconda occasione, sempre che non sia uno Scania alto come una villetta a schiera, ché lì è pericoloso trasferirsi per le gomme che girano ad altezza naso…;-)))
    e comunque grande pathos e aspettative…

  10. Avatar maurogasparini

    allora Catalano
    de sica, amendola
    tottigattuso
    e pico della mirandola
    sono morti invano?

  11. Avatar giosannino

    Guido mentre guidi se davvero molli quella mano fai un salto da me, che parlo di te. ciao

  12. Avatar catalanoguido
    catalanoguido

    grazie giò. io non guido eh. io sto a passeggero.

  13. Avatar giosannino

    sì sì, ma Guido mentre Guidi mi sembrava simp… lascia stare 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 − = zero