– Ma tu cosa pensi della maniacale pulizia delle note, in particolare nei passaggi di contrappunto, di Glenn Gould?
– Guarda, non ho le idee chiarissime in proposito

– Dai, avrai un’idea tua
– Ma, no, veramente no…

– Non ci credo, secondo me qualcosa da dire sul tema ce l’hai
– Ti giuro…

– Ma su dai figurati, ti sarai fatto una seppur minima idea a riguardo!
– Guarda sì, hai ragione, l’idea mia è che non me ne fotte una sega

– Come?
– Una sega, non me ne fotte una sega della maniacale pulizia delle note, in particolare nei passaggi di contrappunto, di Glenn Gould, hai presente una sega? Quella

– Non capisco
– No, guarda, non sei tenuto a capire, nessuno te lo chiede, devi solo farmi finire di bere in pace la mia bibita alcolica colorata ghiacciata e, possibilmente girarti e andartene a fare in culo, in quella direzione

– Sei una persona volgare ed aggressiva e le tue poesie sono spazzatura
– Sì, tu invece hai una capacità di rompere il cazzo al prossimo che se solo riesci a tramutarla in lavoro retribuito, sei a posto per tutta la vita tu, i tuoi figli e i nipoti dei nipoti dei figli dei tuoi nipoti

– Addio
– Speriamo