comunque sappi

semmai ti decidessi
lasciare quel simpatico coglione
e metterti con me

sai dove sto
basta che suoni
livello citofonia
e dici così:

ciao sono io, ho deciso di lasciare quel simpatico coglione
adesso
vorrei restar con te

comunque sappi
che io ti trovo molto bella
e molto carina
ritengo lecito
pensare
di felice poterti fare diventare
non pecco in presunzione
sono uno splendido
algoritmico
sinergico fenomeno

sono la meraviglia che ti manca
sono un piccolo Gesù
pronto a farteli tutti
i miracoli che brami

Questa voce è stata pubblicata in Sono un poeta, cara. Contrassegna il permalink.

7 risposte a comunque sappi

  1. petarda scrive:

    non è che non leggo, leggo invece. in presenza di madonne e gesussi rimango un po’ così e non commento, ma leggo.

  2. catalanoguido scrive:

    meno male petarda
    io pensavo che non leggevi
    invece no, leggi
    meno male
    non commentavi le madonne
    ma le leggevi

  3. petarda scrive:

    sai, l’arte sacra

  4. alice scrive:

    te sei un genio.

  5. catalanoguido scrive:

    grazie, mi piacerebbe

  6. ilaria scrive:

    questa poesia faccio finta che la dedichi a me. ciau pazzo

  7. sid scrive:

    oh questa è bella. ci cambio le vocali e la faccio mia 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


7 × sei =