Oggi alla fermata del 57

Oggi alla fermata del 57
eri così bella e così stanca
che non riuscivi neanche ad arrabbiarti
quando ti dicevo
che ti volevo da morire.
Eri così abbronzata e triste
che ti avrei abbracciata
con il rischio
d’attraversarti
come un fantasma.
Se solo questa poesia
fosse un incantesimo
io sarei il mago
la nostra lontananza il drago.
Avevi un bel vestito semi corto nero
e sandali davvero niente male.

Questa voce è stata pubblicata in Laiv. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


4 × = quattro