basta poesie d’amore adesso e diamoci dentro

confesso
il mio cuore è un cesso otturato
adesso
ci vorrebbe un professionista
dello spurgo pozzi
ma di quelli bravi
quelli col pompazzone a risucchio idraulico

avete mai sentito un’ape tossire?
io sì
alla fine è questo che fa la differenza in poesia
in amore no

se l’amore è non dover mai dire mi dispiace
il mio amore è rotto
che mi dispiace un sacco e sempre
sempre una volta in più di te, comunque

la Morte vi ha mai mandato un sms?
a me no
ma mi piace pensare che
prima di venire a prendermi
lo faccia
“fra un paio d’ore son da te, saluta tutti e vestiti comodo”

son felice di non essere nato donna
non avrei potuto sopportare
di non essere la donna più bella del mondo
e con i geni che mi son toccati in sorte
difficile pensare che lo essèvo*

e son felice di non essere nato cane
non avrei potuto sopportare
di non essere un cagnone morsicòne
e con i geni che mi son toccati in sorte
al massimo un barboncino di merda

quando sono nato qualcuno ha visto bene
di spalmarmi del miele
sulle pareti esterne del muscolo cardiaco
è per questo che batte in controtempo

per equilibrare
son dieci anni
che mi spalmo di catrame i polmoncìni

hai presente i biscotti della fortuna cinesi?
mi fanno schifo
ma li prendo sempre per leggere il messaggio
il biscotto lo do al barboncino
perché so che gli fa male lo zucchero
e muore prima

l’ultimo diceva:
“il tuo cuore è un cesso otturato
ti ci vorrebbe un professionista dello spurgo pozzi”

appunto
il cerchio si chiude
anche lo stomaco
si chiudono gli occhi
si chiudono porte e portoni
finestre, ponti levatoi e caselli autostradali
si chiudono i cancelli
quando s’inizia ad annoiar se stessi son cazzi atomici

questa è una poesia d’amore

_____________

Licenza p.

Questa voce è stata pubblicata in Poesie nuove. Contrassegna il permalink.

7 risposte a basta poesie d’amore adesso e diamoci dentro

  1. la donna camèl scrive:

    Questa è una di quelle poesie che fanno di Guido Catalano il Guido Catalano che è.
    “avete mai sentito un’ape tossire?
    io sì
    alla fine è questo che fa la differenza in poesia
    in amore no” me lo faccio tatuare da qualche parte. Magari sulla gobba.
    (Ah, non ho acqua nelle gobbe io. Ho vino bianco secco e a volte negroni sbagliato.)

  2. Michela scrive:

    Sai una cosa? mi riconcili con la poesia.

  3. gea scrive:

    tristezza moltiplicata per aperta parentesi tristezza sommata ad abbandono chiusa parentesi per nostalgia al quadrato cosa fa? mai stata brava in matematica

  4. Carlo scrive:

    avete mai sentito un’ape tossire?
    io sì
    alla fine è questo che fa la differenza in poesia
    in amore no

  5. Milo Temesvar scrive:

    basta poesie d’amore adesso e diamoci dentro

    in fin della licenza, si tromba?

  6. Minerva Jones scrive:

    La morte a me un sms l’ha mandato. Diceva: “tra qualche mese vengo a prenderti, metti un po’ tutto a posto”. Le ho mandato un sms di risposta: “io metto tutto a posto comunque perché sono una persona ordinata, ma intanto tu vaffanculo altrimenti ti prendo a calci sui denti e te li butto giù così come ti fratturo le ossa…”. L’ho convinta.
    Ah, e no: non so cosa sia la noia – è qualcosa che non provi più nel momento in cui reagisci a una possibile data di scadenza ;-)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


+ 3 = dieci

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>