L’amore è un’anima sola
che vive in due corpi
diceva il vecchio Aristotele.
Bella.

Poi, quando l’amore finisce
ti ritrovi con una mezz’anima sanguinante
un’anima squartata in due, agonizzante
e allora lì sì
che inizia
la lunga stagione dei cazzi amari.

Questa non è di Aristotele
è di Aldo, il mio elettrauto
che in ‘sto periodo
non è che se la passi benissimo.

Per quanto mi riguarda
sono anni che affermo
che l’amore sia una gigantesca trovata pubblicitaria
di quei bastardi
della divisione marketing della Coca Cola.

E comunque
io sono fortunato al gioco.