– Mi hai rubato il sonno
– E tu mi hai rubato il cuore

– E tu gli occhi mi hai rubato
– Tu le labbra

– Tu mi hai rubato le mani
– Non ho più braccia, me le hai rubate tu

– Infatti non m’abbracci più
– Infatti

– Mi hai rubato i sogni
– E tu gli incubi

– E non sei contenta?
– In effetti sì

– Son difficilissimi da rivendere al mercato nero
– Lo immagino

– Scusa, di cosa stiamo parlando?
– Non so, suppongo d’amore

– Mi hanno rubato la bicicletta
– Io non c’entro

– Tu c’entri, sei sempre c’entrata e temo c’entrerai ancora per un bel pezzo
– Ma la bicicletta?

– Quella no, ce l’ho messa solo perché mi faceva ridere