Ammesso e non concesso

Non mi capacitavo del fatto
che non piangesse mai.
Mi domandavo, ed anzi, una volta glielo chiesi
“ma dove vanno a finire tutte le lacrime che non piangi?”
lei mi sorrise con quel suo sorriso lì
quel suo sorriso solo suo
e disse: “sai che non lo so?”.
Mentiva.

Lo capii solo col tempo
fu come un’illuminazione: evaporavano
le sue lacrime evaporavano via dagl’ occhi.
Ecco cos’era.

Insomma, piangeva come tutti
solo che salivano
al posto di scendere
probabilmente si univano alle nuvole.
Ma di questo non ho certezza.

Insomma, e qui concludo
non è vero
che non l’ho vista piangere mai
semplicemente non me ne accorgevo.
Una cosa piuttosto imperdonabile
suppongo siate d’accordo con me.
Ammesso e non concesso
che siate in grado di capire.

Questa voce è stata pubblicata in Novissime. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sei × 3 =