sempre

eravamo io
Ludovico Einaudi e Francesco Guccini
a un certo punto io e Ludovico, istintivamente
guardiamo Francesco
lui guarda noi
noi guardiamo lui
e io e Ludovico, ma proprio all’unisono
gli facciamo, checcifai qua Francesco?
in effetti non lo so, fa lui
magari va, gli dico
magari vado, fa
ciao, gli dice Ludovico
ciao ragazzi, ci fa
e se ne va

eccoci soli Ludovico, gli faccio
sì, mi fa
senti Ludovico ti devo fare una domanda
dimmi
ma tu sei veramente figlio di Giulio e nipote di Luigi?

minchia che famiglia!
modestamente
e hai dei figli?
non lo so
come non lo sai?
eh, non lo so
ma come non lo sai?
Guido
Ludovico
Guido
Ludovico…
ti devo dire una cosa, Guido
no, non dirla Ludovico, suona
cosa ti suono?
dai, lo sai
ochei, te la suono, ma è l’ultima volta
l’ultima?
l’ultima
Ludovico?
Guido
cos’era la cosa che volevi dirmi?
che io non so se l’hai capito Guido, ma tu non stai parlando con me
e con chi sto parlando Ludovico?
con te
con me?
con te
per questo non sai se hai dei figli Ludovico?
sì Guido
suona Ludovico
suono

no aspetta
dimmi Guido
ma il Guccini?
no, il Guccini era proprio lui in persona
ma va?
eh sì
fico
posso suonare ora?
suona Ludovico suona

poi successe che Ludovico suonò e suonò e suonò
e intanto che suonava scompariva
e mentre scompariva sorrideva
e diventava trasparente lui e il suo piano
e mentre scompariva lui suonava
e mi diceva qualche cosa ancora
sentivo appena appena le parole
mischiate nelle note
mi chiedeva
poi ci sei andato da lei?
lo sai che ci sono andato
si lo so, ma come è andata?
lo sai come è andata, Ludovico
sì lo so, ma tu dimmelo lo stesso
sì me lo dico lo stesso
è andata che lei è piuttosto meravigliosa, Ludovico
te lo dicevo, io, Guido
me lo dicevi, tu, Ludovico
ma l’ami?
son pronto a giurarlo sulla tua testa, Ludovico
perchè devi sempre dire le cose in forma di minchiata?
non lo so Ludovico, è più forte di me
e lei cosa ti ha detto?
che son cretino
è vero, Guido, lo sei
anche tu non scherzi, Ludovico
ora dormi, Guido
Ludovico?
sì?
vuoi essere la mia fata Turchina?
no Guido non voglio esserlo
va bene, ciao
sì va molto bene
sì molto
dormi bene
vienici a trovare talvolta
sempre

Questa voce è stata pubblicata in Poesie nuove, Trilogia di Einaudi. Contrassegna il permalink.

6 risposte a sempre

  1. fatacarabina scrive:

    a volte le cose più vere escono in forma di minchiata…e per fortuna che ci vieni a trovare con le tue poesie, Guido ( o Ludovico? boh)

  2. petarda scrive:

    con ‘sta roba dei figli e dei nipoti di einaudi m’hai fatto venire in mente la carrà & mariadefilippi

  3. Acotto scrive:

    Sei un genio, e non sto sognando

  4. vio scrive:

    LudoGuido…indubitabilmente un Guido ludico assai…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


quattro + 2 =